Open non è free. Comunità digitali tra etica hacker e mercato globale

Ippolita, -- . Open non è free. Comunità digitali tra etica hacker e mercato globale., 2005 Elèuthera editrice. [Book]

[img]
Preview
PDF
open_non_e_free_ippolita.pdf

Download (1109Kb) | Preview

English abstract

This Book describes a very difficult topic: the writing of information codes, the daily work of legions of coders and various kind of hackers. The Digital World, the pervasive technoculture owe many things to these subjects: managing codes they hold technical power to operate directly on codes creation processes, modelling the reality. Mass Media regularly reproduce in a concerted way ridiculous banalization of digital activism. Hackers are useful bogeymen for total thought from any kind of political current, and they are functional for pre-packed answers. The most evident effect of this policy was the criminalization of large brackets of people who have access to the net, in a general mood of indifference. At this time, downloading of in-copyright materials (audios, videos, text documents and everything else) represents a penal illecit, in spite of technical reproducibility. These trials to harness the creative freedom, that have been already partially enforced, involve everybody's life.

Italian abstract

Questo libro traccia dei percorsi e delle linee di fuga in una materia complessa: la scrittura di codici informatici, l’agire quotidiano di legioni di coder e hacker di vario tipo. Il mondo digitale, la tecnocultura pervasiva, la matrice – tutte immagini di gran moda – devono molto a questi individui manipolatori di codici, ovvero coloro che detengono il potere tecnico di intervenire direttamente sui processi di creazione dei codici che modellano le realtà.I media di massa ripropongono regolarmente, e in maniera concertata, banalizzazioni ridicole dell'attivismo digitale.I pirati informatici sono uno spauracchio utile al pensiero totale, non importa di quale colore politico, e funzionale alle risposte preconfezionate. Un effetto lampante di questa politica è stata la criminalizzazione, avvenuta nell'indifferenza generale, di larghe fasce della popolazione che ha accesso alle reti: tutti quelli che scaricano materiali protetti da copyright, audio, video, testi, qualsiasi cosa, al momento compiono un illecito penale, alla faccia della riproducibilità tecnica! Questi tentativi, in parte già riusciti, di imbrigliare, irreggimentare, castrare la libertà creativa delle reti informatiche riguardano dunque la vita concreta di tutti.

Item type: Book
Keywords: globalization, hackers, open access, free, media, technoculture
Subjects: E. Publishing and legal issues. > EB. Printing, electronic publishing, broadcasting.
B. Information use and sociology of information.
Depositing user: E-LIS Italian Staff
Date deposited: 09 Mar 2009
Last modified: 14 Dec 2012 17:39
URI: http://hdl.handle.net/10760/3865

Actions (login required)

View Item View Item